Tecnologie rivoluzionarie per la medicina: ecco quali sono quelle più conosciute

Tecnologie rivoluzionarie per la medicina: ecco quali sono quelle più conosciute

Al giorno d’oggi, la tecnologia ha rivoluzionato un gran numero di ambiti, tra cui sicuramente quello della medicina, ma anche, ad esempio, quello dell’intrattenimento. Si sono letteralmente moltiplicate, infatti, le piattaforme che offrono la possibilità di divertirsi e giocare online, ma tanto merito va dato anche al boom degli smartphone, con cui si può giocare tramite le app per giocare online a blackjack sviluppate appositamente a tale scopo e che offrono un’esperienza coinvolgente e affascinante.

Come dicevamo in precedenza, lo smartphone ha cambiato la nostra quotidianità e, anche se non è più certo una novità, ci sono app anche in ambito medico che possono garantire lo svolgimento delle attività più impensabili.
Non bisogna di sicuro commettere l’errore di pensare che il potenziale sia stato già sfruttato per intero, dal momento che non è affatto così. Infatti, con il passare del tempo, c’è sempre una grande attenzione da parte di tanti sviluppatori nella realizzazione di app che possano essere abilmente sfruttate in tale settore.
Uno degli esempi più interessanti in tal senso è rappresentato da Ginger.io. Si tratta di un’applicazione che si rivolge in modo particolare a tutti coloro che soffrono di depressione, con l’intelligenza artificiale che riesce a riconoscerla persino nella voce, di tenere sotto controllo e condividere con i medici tutti quei dati e quelle informazioni che si riferiscono al proprio stato d’animo, in maniera tale da giungere a una terapia adatta alle proprie mutevoli esigenze.

La diagnostica
L’innovazione tecnologica, come dicevamo in precedenza, sta portando in dote una vera e propria rivoluzione per la medicina, in modo particolare dal punto di vista della diagnostica. Ci sono vari accertamenti che, un tempo, potevano essere portati a termine solo ed esclusivamente in ospedale.
Ebbene, al giorno d’oggi, si possono svolgere anche direttamente entro le mura domestiche, per merito delle macchine a raggi x portatili piuttosto che del kit che riguarda le analisi del sangue. Non solo, dal momento che per tutti quei pazienti che sono stati colpiti da delle disabilità, piuttosto che da delle patologie di carattere degenerativo, come può essere il Parkinson, di cui è stato svelato il meccanismo che sta alla base delle difficoltà motorie, sono stati realizzati dei device che possono dare una grande mano nel controllare diverse attività, come ad esempio l’evoluzione della patologia con il passare del tempo.

Il controllo dei regimi farmacologici
Sono numerose le tecnologie che si trovano ancora in fase di sviluppo e che già offrono l’opportunità a diversi medici di tenere sotto controllo i regimi farmacologici. Giusto per fare un esempio, sono stati realizzati dei sensori di dimensioni talmente microscopiche che si possono ingerire molto comodamente in compagnia dei farmaci. Si tratta di sensori che hanno la forma di pillole e che servono per la trasmissione di dati e informazioni che riguardano il rispetto di diverse regole che i pazienti devono seguire.
Estremamente all’avanguardia, al contempo, sono anche i trattamenti digitali, ovvero degli interventi che hanno carattere sanitario e che vengono messi in atto sfruttando una serie di device elettronici molto innovativi e con tante funzionalità in più. Tra gli esempi mirati di maggior impatto troviamo sicuramente Sleepio. Si tratta di un programma web che è stato realizzato e sviluppato appositamente per una migliore cura dell’insonnia.
Importantissimi anche tutti i passi in avanti che sono stati fatti a livello di sequenziamento del genoma. Infatti, una volta individuato il profilo genetico della patologia e il modo con cui il corpo dei pazienti risponde alla terapia, è chiaro che potrebbe essere più semplice prevedere quali possano essere i risultati dei vari trattamenti. Interessante anche l’apprendimento automatico, una forma speciale di intelligenza artificiale, che permette al pc di apprendere i dati e le informazioni senza una programmazione specifica alla base.

admin