Dieta Plank: 3 curiosità

Dieta Plank: 3 curiosità

Al giorno d’oggi ci sono molti regimi alimentari diventati negli anni, per un motivo o l’altro, più o meno famosi a causa dei risultati che non sempre hanno convinto chi li ha provati.

Uno di quelli che maggiormente ha diviso esperti e semplici persone che l’hanno provato è la Dieta Plank, realizzata dall’omonimo dottore tedesco, e famosa perchè definita come uno dei rimedi più rapidi per la perdita di peso. Si tratta di un regime alimentare iperproteico (assenza quasi del tutto di carboidrati come pane e pasta e assunzione esclusivamente di proteine come carne e uova) che promette a chi la segue con attenzione di far perdere ben 9 chili in sole due settimane di trattamento e di mantenere il peso nei tre anni successivi Vediamo qualche curiosità in merito alla dieta Plank che potranno darvi indicazioni in merito.

Primo, la Dieta Plank è anche considerata come la “dieta dell’Estate” in quanto richiestissima proprio nei periodi precedenti alla bella stagione e alle domenica in riva al mare quando è maggiormente necessario mostrare il proprio fisico e durante l’inverno non si è avuta la possibilità di andare in palestra o fare attività fisica e ci si è lasciati andare a tavola, e si deve perdere i chili di troppo nel minor tempo possibile.

Secondo la Dieta Plank ha un funzionamento particolare che prevede un programma alimentare basato su un range di 14 giorni in cui vengono assunti cibi molto definiti “semplici” e vengono esclusi completamente i carboidrati (che come detto in precedenza sono sostituiti dalle proteine). La dieta tipo prevede la colazione a base di te o caffè non zuccherati (solo in alcuni giorni è previsto un panino piccolo o tre fette biscottate integrali). Pranzo e cena invece si fanno con un  piatto unico e generico, come ad esempio pollo, prosciutto, tacchino, uova ecce cc). Naturalmente sono vietati il pane, i grissini, cracker, la pasta, le bibite zuccherate e gassate e gli alcoolici. Con la dovuta moderazione sono previsti anche i condimenti se a carattere vegetale e la frutta, che solitamente è abbondante in tutte le diete, deve essere consumata solo una volta a settimana. La domenica sera è libera mentre ogni giorno è obbligatorio bere due litri di acqua.

Terzo, la dieta Plank, come tutti i regimi alimentari estremi non risconta sempre il beneplacito degli molti esperti del settore, poichè si tratta di un regime alimentare di stampo esclusivamente proteico ( ma purtroppo l’assunzione di troppe proteine a lungo andare può danneggiare alcuni organi del nostro corpo) ed è comunque considerata una dieta non bilanciata in quanto l’apporto           quotidiano di carboidrati è  minimo e oltretutto viene limitato anche l’uso di fibre e vitamine, necessarie per il benessere del nostro organismo e della nostra salute. Infine anche la mancanza di una fase di mantenimento, rende negativa la dieta plank in quanto si corre il rischio di fare sacrifici per dimagrire e di rimettere in pochissimo tempo i chili persi.

Ricordate che in ogni caso prima di iniziare una dieta è consigliabile consultare il proprio medico o rivolgersi ad uno specialista.

admin

One thought on “Dieta Plank: 3 curiosità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.